Prestiti per pensionati Poste Italiane

Prestiti per pensionati Poste Italiane

preventivo prestito

preventivo prestito

Una delle categorie che a registrato un forte aumento delle domande di prestito, è quella dei pensionati. Se prima si riusciva a godersi tranquillamente la pensione, ed a mettere da parte qualcosa per aiutare figli e nipoti, oggi sempre più spesso i pensionati italiani devono ricorrere ad un prestito, per far fronte alle tante difficoltà economiche.

Il crollo del potere di acquisto, unito all’aumento del costo della vita ed alla diminuzione dei servizi erogati gratuitamente dallo Stato, hanno fatto si che sempre più pensionati non riescano ad arrivare alla fine del mese. In questi casi una delle opzioni più usate per far fronte a queste difficoltà, è la richiesta di un prestito presso banche e finanziarie.

***FAI UN PREVENTIVO GRATUITO E SCEGLI IL MIGLIOR PRESTITO (CLICCA QUI)***

Sempre più spesso si vedono pubblicità che reclamizzano prestiti erogati a condizioni incredibili ai pensionati. Trovare condizioni vantaggiose è possibile, ma non bisogna farsi ingannare da offerte troppo basse, che spesso nascondono costi ulteriori tra le varie voci dei costi del prestito, come canone, spese di commissione ed eventuali penali.

Uno degli strumenti più utilizzati è sicuramente la cessione del quinto della pensione, con la quale, in caso sussistano tutte le condizioni per ottenerla, è possibile avere un prestito in poco tempo.

PRESTITI PENSIONATI POSTE ITALIANE

prestiti-poste-pensionatiDa sempre vicine a tutti gli italiani, soprattutto giovani, stranieri, lavoratori atipici ed appunto pensionati, le Poste Italiane offrono un prodotto di qualità con costi accessibili, pensato apposta per i pensionati. Si tratta di Quinto BancoPosta Pensionati, il prestito tramite cessione del quinto di Poste.

La cessione del quinto è un prestito personale non finalizzato, con il quale cioè è possibile richiedere un prestito senza dover specificare la destinazione d’uso del denaro, che viene rimborsato tramite trattenuta diretta sulla pensione, da parte dell’INPS.

In particolare Poste Italiane offrono la possibilità di richiedere un prestito tramite la cessione del quinto, richiedibile anche da chi non è correntista postale, o per pagare altri finanziamenti in corso, e richiedibile anche se segnalati come cattivi pagatori o pignorati.

La rata del prestito non può superare il quinto della pensione netta, e il prestito può essere rimborsato da 36 a 120 mesi. Poste Italiane non applicano nessun costo di commissione, ne alcuna penale per l’eventuale estinzione anticipata del prestito. È obbligatorio, come da legge, la stipula di un contratto assicurativo sulla vita a copertura del prestito, il cui costo è calcolato all’interno del prestito, e spalmato per tutta la durata dello stesso.

L’erogazione avviene tramite accredito su conto corrente postale, bancario, libretto postale o tramite assegno postale vidimato. La documentazione necessaria da presentare presso gli uffici postali è di un documento d’identità valido, il codice fiscale e il cedolino della pensione, mentre nel caso di cittadini stranieri è necessario presentare il permesso di soggiorno ed essere residenti in Italia da almeno 5 anni.

Ad esempio, per un pensionato di 65 anni che percepisce 900€ netti di pensione al mese, è possibile ottenere un prestito di 8.600€, rimborsabile in 60 mesi con un costo accessorio di soli 16€ per il pagamento dell’imposta sostitutiva, con un TAN dell’8,92% ed un TAEG del 9,38%. Il costo totale del prestito sarà perciò di 2.100€ totali, portando il prestito ad un totale di 10.700€ complessivi.

***FAI UN PREVENTIVO GRATUITO E SCEGLI IL MIGLIOR PRESTITO (CLICCA QUI)***

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *