Prestiti senza busta paga per aprire attività

Prestiti senza busta paga per aprire attività

Specialmente in questo periodo di forte crisi economica, sono sempre in aumento le persone che vedono nell’avvio di una nuova attività non solo una luminosa speranza in un sistema ormai senza futuro, ma una vera e propria fonte di guadagno con una concreta possibilità di successo che brilla all’orizzonte.

Tuttavia, sempre facendo riferimento alla rovinosa crisi che ha colpito l’economia globale negli ultimi tempi, le persone senza un lavoro fisso e dunque senza una valida busta paga (che corrisponderebbero poi a quelle più motivate nell’ottica dell’apertura di un’attività) non fanno più parte di una cerchia ristretta.
Com’è possibile allora, per questa tipologia di individui che ha intenzione di aprire un’attività, richiedere il prestito senza stipendio a una società creditizia?

La domanda nasce spontanea, visto e considerato che le più note società finanziarie prevedono come garanzia principale la presenza di una busta paga: a questo proposito vedremo nei paragrafi successivi com’è possibile ottenere un prestito senza questo tipo di retribuzione al fine di aprire una nuova attività.

Prestito d’onore: la migliore soluzione per aprire un’attività senza stipendio

Una delle soluzioni più gettonate per la richiesta di un prestito senza busta paga è il cosiddetto prestito d’onore. Solitamente, quando ci si riferisce a quest’ultimo, si associa sempre a un finanziamento finalizzato ad attività di studio. Tuttavia il mito è da sfatare: il prestito in questione permette infatti anche di avere a disposizione una quantità di denaro con tassi agevolati che consente di ottenere cifre fino a 25.823 euro, ed è dunque l’ideale anche per chi volesse avviare un’attività senza essere in possesso di regolare busta paga.

Questo finanziamento per giovani senza stipendio è rivolto a tutti i disoccupati che abbiano compiuto 18 anni e siano residenti in Italia da almeno 6 mesi, e permette di sostenere l’apertura di imprese sia individuali che societarie (in quest’ultimo caso il tetto massimo relativo alla somma richiedibile arriva fino a 129.114 euro).
Ma come si effettua la richiesta per il prestito d’onore?

In primo logo è necessario inviare la domanda a Invitalia (Agenzia Nazionale per l’Attrazione d’Investimento e lo Sviluppo d’Impresa S.p.A.), ente che gestisce questa tipologia di servizi.
Se la richiesta sarà approvata, la risposta arriverà entro un lasso di tempo che non supera i sei mesi, e in caso di accettazione si procederà all’erogazione del denaro necessario.

Prestiti senza busta paga per avvio attività: entrate sostitutive come garanzie

Alcune società finanziarie offrono la possibilità di presentare alcune garanzie alternative (anche prestiti senza busta paga e senza garante sono dunque possibili) che hanno il compito di fungere da “assicurazione principale” e dunque sostitutiva della busta paga.
Tra le più comuni troviamo ad esempio il reddito di un parente amico, ovvero il cosiddetto garante che si impegnerà ad assicurare il pagamento in caso di impossibilità del richiedente prestito.
Un’altra garanzia può essere rappresentata dagli introiti generati dall’affitto di un immobile di proprietà, o ancora da rendite finanziarie vincolate o, in caso di donna separata, dall’assegno di mantenimento erogato dall’ex marito.

Anche le ipoteche sui beni familiari o sui beni mobili (per esempio gioielli, quadri o mobili di valore) sono contemplate in questa tipologia di garanzia alternativa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *