Prestiti Inps pensionati

Prestiti Inps pensionati

In questo articolo vi vogliamo fornire una pratica guida per quanto riguarda i prestiti per pensionati offerti da Inps. Scopriamo tutte le caratteristiche di questi finanziamenti, con le informazioni relative al trattamento offerto dall’Istituto ai propri clienti e tutte le opzioni tra le quali potremo scegliere. Infine come effettuare la richiesta di preventivo per conoscere l’importo di ogni rata che dovremo pagare mensilmente e i tassi d’interesse applicati, in modo da scegliere la proposta più conveniente e avviare la procedura per ricevere l’importo di cui abbiamo bisogno.

I prestiti offerti dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale sono conosciuti come tra i più convenienti disponibili sul mercato. Gli interessi che dovremo pagare scegliendo di affidarci all’Inps sono infatti nettamente inferiori rispetto a quelli applicati dalle banche. Per questo motivo, soprattutto tra i pensionati, sono sempre di più coloro che scelgono questo prodotto. Vediamo dunque quali sono i requisiti necessari per aver accesso al credito che desideriamo e quali sono dunque i documenti che dovremo presentare al momento della richiesta del finanziamento.

Prestiti Inps per pensionati: quali sono i requisiti richiesti?

Non sempre è semplice ricevere un prestito: sono in molti a trovarsi nella spiacevole situazione di dover rinunciare al credito di cui si ha bisogno perché non si possono fornire alla banca le garanzie richieste. Queste ultime sono infatti spesso piuttosto restrittive, soprattutto in questo periodo di crisi economica, in cui le banche non possono permettersi il rischio di insolvenza da parte dei propri clienti. Tra i profili che rischiano di non poter ricevere la somma richiesta troviamo ad esempio i lavoratori autonomi, perché senza busta paga, uno dei requisiti maggiormente richiesti, e soprattutto coloro che facciano parte della lista dei protestati o dei cattivi pagatori.

Nel caso dei pensionati non ci sono solitamente particolari problemi nel ricevere il finanziamento desiderato. Il motivo è molto semplice, e va ricercato proprio nelle garanzie che si possono fornire alla banca o all’ente al quale ci rivolgiamo. La pensione erogata dall’Inps costituisce infatti un reddito assicurato ogni mese, dunque da questa somma potremo detrarre l’importo da versare mensilmente per il rimborso della somma prestataci. I maggiori problemi potranno essere quelli relativi all’età del cliente, visto anche il fatto che una delle spese relative al finanziamento Inps è quella per il cosiddetto Fondo Rischi. Dal punto di vista dei requisiti, comunque l’età massima che potremo avere al momento della fine del rimborso, è fissata a 90 anni. Dunque i prestiti annuali potranno essere richiesti addirittura fino agli 89 anni, mentre i quinquennali fino ad 85 anni e così via.

A chi rivolgersi per ottenere un prestito per pensionati Inps

Se siete interessati ad un prestito per pensionati, la prima cosa da fare è senza dubbio quella di rivolgervi direttamente all’Inps. I prestiti concessi dall’Istituto sono infatti i più convenienti in assoluto, tuttavia non si tratta dell’unica soluzione rivolta ai pensionati italiani. Sono diverse infatti le compagnie che hanno stipulato la Convenzione con l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Questo significa che rivolgendoci a queste banche avremo la possibilità di ricevere in tempi brevi il prestito di cui abbiamo bisogno, anche in questo caso a condizioni vantaggiose rispetto a quanto avviene per i prestiti concessi da quelle compagnie che non sono convenzionate.

Per consultare la lista delle banche che offrono i prestiti per pensionati, quello che dobbiamo fare è visitare il sito internet di Inps e in particolare visitare l’area riservata ai prestiti. Tra le migliori compagnie che troverete in questa lista ci sono ad esempio Agos, Bnl, Compass, Findomestic e Unicredit. Dunque se individuate la vostra banca tra quelle convenzionate con Inps, può essere comodo richiedere il prestito direttamente presso la nostra compagnia, in modo da accorciare i tempi di erogazione, dato che questa avverrà tramite accredito sul conto corrente a noi intestato.

Come funzionano i prestiti per pensionati offerti da Inps

Abbiamo visto dunque quali sono le opzioni per quanto riguarda la scelta della compagnia alla quale affidarsi per ricevere un prestito per pensionati Inps. Vediamo ora nel dettaglio come funzionano questi finanziamenti. L’opzione che viene solitamente proposta e che riscuote maggior successo, soprattutto tra gli anziani, è quella che prende il nome di cessione del quinto. Se siete interessati a ricevere un finanziamento ne avrete sentito parlare e vi sarete chiesti di cosa si tratta.

Il nome stesso del prodotto sta a specificare la caratteristica principale dello stesso. Con cessione del quinto ci riferiamo infatti ad un prestito per il quale il rimborso avviene tramite la cessione appunto, di massimo un quinto della pensione netta percepita. Questo significa che la rata massima che andremo ad affrontare ogni mese corrisponderà al 20% di quanto ci viene versato dall’Inps. Il vantaggio di ciò è facilmente intuibile: la detrazione di un quinto di quanto percepiamo ogni mese non modificherà eccessivamente la nostra capacità economica, dunque potremo affrontare l’impegno economico relativo al prestito ricevuto senza troppi problemi.

Per quanto riguarda le modalità di erogazione della somma che richiediamo, questa avverrà tramite accredito sul conto corrente a noi intestato. I tempi sono solitamente piuttosto brevi, in quanto essendo pensionati avremo un’ottima garanzia da presentare alla banca, cioè la pensione stessa. Dunque l’unica verifica che sarà fatta dalla banca alla quale ci rivolgeremo sarà quella relativa alla veridicità del cedolino della pensione che presenteremo e non saranno necessari ulteriori accertamenti come avviene magari per i prestiti concessi ai protestati o cattivi pagatori. Il rimborso avverrà tramite la trattenuta da parte dell’Inps, che nel caso dei finanziamenti richiesti presso le banche convenzionate si occuperà di versare alla banca l’importo da noi dovuto.

Prestiti Inps per anziani: quanto è possibile richiedere

Sono moltissimi gli anziani che si trovano a dover richiedere un prestito per affrontare spese di diverso genere. La situazione dei pensionati italiani è un argomento sempre d’attualità, viste le difficoltà in cui versano purtroppo molte persone anziane. Una delle cause del problema delle pensioni è quella dei tanti prestiti richiesti dagli anziani. La somma che potremo richiedere tramite i finanziamenti concessi dall’Inps e dalle compagnie con esso convenzionate dipende dal nostro trattamento pensionistico.

Abbiamo detto come il rimborso della somma che ci verrà prestata avvenga tramite la trattenuta di un determinato importo dalla pensione percepita. Dato l’importo massimo di ogni rata mensile, in base alla durata del finanziamento che decideremo sarà definita la cifra massima alla quale potremo aver accesso. Quest’ultima dunque sarà maggiore per coloro che percepiscano una pensione più alta e coloro che scelgano i prestiti con una durata maggiore. Viceversa, chi riceve una pensione più bassa oppure sceglie di effettuare il rimborso in un tempo minore, potrà richiedere una somma di denaro più bassa.

Prestiti per pensionati Inps: come richiedere un preventivo gratuito

La cosa migliore da fare se siete interessati a ricevere un prestito per pensionati è senza dubbio quello di richiedere un preventivo gratuito online. In questo modo potremo conoscere tutte le caratteristiche del finanziamento che ci viene proposto dall’Inps, in modo da poter confrontare il trattamento riservatoci con quelli di altre compagnie. Lo strumento che ci viene messo a disposizione sul sito ufficiale dell’Inps è il cosiddetto prontuario. Vediamo di cosa si tratta e come si utilizza per effettuare il calcolo della rata di rimborso per i prestiti per pensionati.

Il prontuario è un documento in cui sono presenti diverse tabelle, ognuna delle quali è relativa ad una diversa opzione di finanziamento offerta dall’Inps. La prima colonna è quella relativa all’importo che intendiamo richiedere. Ogni riga si incrementa rispetto alla precedente di 100 euro. Dunque la prima cosa da fare è arrotondare l’importo che intendiamo richiedere alla cifra delle centinaia. Una volta individuata la riga che ci interessa nella tabella relativa alla tipologia di prestito da noi preferita in base alla relativa durata, nelle altre colonne avremo tutte le informazioni che ci servono. Importo di ogni rata, spese di gestione e tassi d’interesse applicati. Infine, per quanto riguarda le spese relative al Fondo Rischi, in questo caso l’importo varia in base all’età del cliente e per conoscerne l’importo dovremo ricercarlo nella colonna relativa alla nostra fascia d’età.

Come effettuare la richiesta di finanziamento per pensionati Inps

Una volta che ci siamo fatti un’idea della spesa alla quale andremo incontro, grazie all’analisi del prontuario, tutto quello che ci resta da fare è procedere con la richiesta del prestito Inps al quale siamo interessati. Tutte le informazioni riguardo le modalità di richiesta ci vengono fornite dal sito internet dell’Inps. I pensionati che fossero interessati a procedere con la richiesta online, potranno farlo scaricando, sempre dal sito web dell’Istituto, tutti i moduli che dovranno essere compilati.

I documenti che dovremo avere a portata di mano saranno ovviamente la carta d’identità e il codice fiscale. Nel caso in cui siate interessati ai prestiti per pensionati offerti da una delle banche convenzionate con l’Inps, ciò che dovremo presentare alla compagnia sarà solamente l’ultimo cedolino della pensione, per permettere alla compagnia di analizzare la nostra situazione economica. Se preferite affidarvi ad un esperto in materia per effettuare la procedura evitando eventuali errori, quello che dovete fare sarà fissare un appuntamento tramite il sito internet dell’Inps o della banca, specificando la data e l’ora in cui siamo disponibili. Se l’appuntamento ci viene confermato, dovremo recarci presso la filiale o l’ufficio Inps con tutti i documenti appena descritti e potremo finalmente richiedere il prestito di cui abbiamo bisogno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *